A7design | bereguardo
116
post-template-default,single,single-post,postid-116,single-format-gallery,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-2.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll

bereguardo

Forse, dopo l’abbandono delle attività agricole, dopo il recupero a scopi abitativi, dopo le soluzioni abituali e dopo le strade conosciute, sono possibili nuove strategie per il recupero delle cascine e delle case coloniche.

All’interno di una cascina in fase di recupero a funzione sociale, s’insediano delle unità abitative minime per ospiti temporanei; l’area che dovrebbe accogliere questi elementi è una radura fra alte piante, adiacente l’aia.

Un percorso leggermente rialzato rispetto la quota del terreno, distribuisce i corpi di fabbrica; i materiali utilizzati sono il metallo finitura brunita per le strutture e il legno naturale per i tamponamenti verso l’esterno, all’interno domina il bianco, con ampie vetrate in metallo con finitura come le strutture.

Tre sono le tipologie studiate, una prima con le unità sparse nel verde, connesse attraverso il percorso sopraelevato in cui l’orientamento delle visuali delle singole abitazioni è sempre differente, in questo modo l’ospite non ha mai la percezione della presenza delle altre unità e l’immersione nel verde è totale.

Nella seconda una stecca di elementi connessi fra di loro presenta un unico affaccio verso il verde e una serie di ingressi sul lato opposto, infine, nella terza opzione i singoli elementi sono distribuiti a L attorno a un percorso che collega tutto.

(2017 – studio di fattibilità)